Pubblicità

Questo blog aderisce al network di raccolta pubblicitaria VinoClic.

Novità! eBook!

Il mio primo eBook, ideato e scritto con Giampiero Nadali; un manuale digitale dedicato ai nuovi turisti del vino sempre più interattivi e digitali.
Leggi qui la scheda dell'eBook e tutte le informazioni per acquistarlo online.

Perché VinoPigro?

Perché il vino è un prodotto della natura. E la natura ha i suoi tempi. Non i nostri, sempre così affannati, nevrotici, insufficienti. Per fare un grande vino ci vuole tempo, per fare un bambino ci vuole tempo, per fare del pane (quello buono) ci vuole tempo, tempo... e tranquillità. Anche per scrivere ci vuole tempo, perciò non pensiate di trovare nuovi post ogni santo giorno. Prendetevi tempo per leggere queste pagine. E lasciatene un po’ anche a me: ad essere pigro non c’è solo il vino.

Collaborazioni

Columnist

eBook

Palate Press presenta l'eBook sul primo anno di attività. Oltre 100 diversi autori da tutto il mondo hanno contribuito con più di 800 storie sul vino, dalle semplici recensioni alle complesse discussioni sulla scienza del vino. L'eBook "The Best of the Press" raccoglie le storie più apprezzate dai lettori nel primo anno attività.
In vendita qui

Ultimi commenti
Twitter
« Il bello di #terroirvino2012 | Main | Il Recioto della Valpolicella, il re che c'era »
martedì
giu052012

Terroir Vino 2012: the meeting

Nel corso dell'anno ci sono almeno tre occasioni nelle quali i digital wine writers di natura varia& assortita si materializzano: due sono di carattere internazionale (l'americana Wine Blogger Conference e l'European Wine Blogger Conference, che quest'anno si terranno rispettivamente in Oregon e Turchia), due appuntamenti impegnati e impegnativi per numero di giornate, attività e e partecipanti, la terza è sicuramente Terroir Vino.

Da sette anni un unicum nel panorama delle manifestazioni enoiche - un po' congresso, un po' fiera, un po' mercato. Probabilmente non acquisterà mai una connotazione precisa e definitiva, e forse proprio in questo risiede la sua forza: nella capacità di aggregare target diversi, accomunati dalla trasversale passione per il vino.

Comunicatori, produttori, rivenditori, fornitori, enotecari, sommelier, ristoratori si ritroveranno perciò anche quest'anno nelle ampie sale dei Magazzini del Cotone, a Genova, nei giorni 10 e 11 giugno. Il primo riservato all'ormai tradizionale Unconference (dove il prefisso negativo non è sinonimo di anarchia sproloquiante, ma di controllata destrutturazione degli interventi, per quanto ossimorico questo possa apparire), il secondo agli assaggi e agli incontri ravvicinati di terzo tipo tra vini, bicchieri ed esseri umani.

A corollario dell'evento - già di per se' ricco, ma forse non abbastanza per un mondo di wine lovers ormai drogato da troppe e fantasmagoriche occasioni di assaggi - tre appuntamenti a cavallo tra il tecnico e il leisure: si va dal Garage Wine Contest (una specie di "wine DIY") alle Degustazioni dal Basso (ovvero "il vino come vorrei sentirlo raccontare: da me"), per finire con il Baratto Wine Day, lo scambio delle etichette (appiccicate alle bottiglie, rigorosamente intonse).

Per il resto del mondo troppo lontano da Genova per poter partecipare in prima persona, l'appuntamento in real time per la Vinix Unplugged Unconference (almeno), è su Twitter (#vuu) e in video streaming 

Per tutti gli altri, ci si vede la'.

 

Reader Comments

There are no comments for this journal entry. To create a new comment, use the form below.

PostPost a New Comment

Enter your information below to add a new comment.

My response is on my own website »
Author Email (optional):
Author URL (optional):
Post:
 
Some HTML allowed: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <code> <em> <i> <strike> <strong>