Pubblicità

Questo blog aderisce al network di raccolta pubblicitaria VinoClic.

Novità! eBook!

Il mio primo eBook, ideato e scritto con Giampiero Nadali; un manuale digitale dedicato ai nuovi turisti del vino sempre più interattivi e digitali.
Leggi qui la scheda dell'eBook e tutte le informazioni per acquistarlo online.

Perché VinoPigro?

Perché il vino è un prodotto della natura. E la natura ha i suoi tempi. Non i nostri, sempre così affannati, nevrotici, insufficienti. Per fare un grande vino ci vuole tempo, per fare un bambino ci vuole tempo, per fare del pane (quello buono) ci vuole tempo, tempo... e tranquillità. Anche per scrivere ci vuole tempo, perciò non pensiate di trovare nuovi post ogni santo giorno. Prendetevi tempo per leggere queste pagine. E lasciatene un po’ anche a me: ad essere pigro non c’è solo il vino.

Collaborazioni

Columnist

eBook

Palate Press presenta l'eBook sul primo anno di attività. Oltre 100 diversi autori da tutto il mondo hanno contribuito con più di 800 storie sul vino, dalle semplici recensioni alle complesse discussioni sulla scienza del vino. L'eBook "The Best of the Press" raccoglie le storie più apprezzate dai lettori nel primo anno attività.
In vendita qui

Ultimi commenti
Twitter
mercoledì
ott082014

Cantina abusiva scoperta in provincia di Verona

Arriva l'autunno, c'è la vendemmia, e a qualcuno viene la voglia di mettersi a fare vino... a modo suo.

Cioè senza dir niente a nessuno, soprattutto alle autorità preposte. 

E così succedono cose come questa: 

"Sono stati scoperti e sequestrati dal personale del Comando Provinciale di Verona 11.400 litri tra vino e mosto, oltre a zucchero verosimilmente utilizzato per aumentare il tasso alcolometrico, in una cantina abusiva ad Illasi (VR) a cui sono stati posti i sigilli.

Click to read more ...

lunedì
set292014

La TAV in Lugana: come ti distruggo un'area di successo

Qualcuno ricorda com’era il mondo, l’Italia, nel 1991? Sembra un’era geologica fa. Nel 1991 Mark Zuckerberg andava alle elementari, le Torri gemelle erano ancora al loro posto e per scattare foto usavamo solo macchine fotografiche. 

In quello stesso 1991 si iniziò a parlare di Alta Velocità nel Lugana relativamente alla tratta Brescia-Verona, un incubo che ha perseguitato in tutti questi anni il Consorzio del Lugana. Questi fin da subito cercò il dialogo con le istituzioni per limitare al massimo i danni al territorio... ottenendo in cambio dai politici di turno (locali e nazionali) tante rassicurazioni, pacche sulle spalle e promesse. E basta. Parole, come al solito, solo parole. Fatti, nessuno. Al punto che in questi giorni i progetti della linea TAV (Treno Alta Velocità) sono arrivati ai Sindaci dei Comuni interessati dal suo attraversamento, i quali avranno 60 giorni di tempo per fare le loro osservazioni: passato questo tempo, se non ci saranno novità, arriveranno centinaia di camion, ruspe e tonnellate di materiali a devastare vigneti e distruggere casali storici. Così un'area oggi ricca, bella, frequentata da turisti di tutto il mondo verrà ridotta in macerie. Il tutto per impedire che il super treno velocissimo rallenti un poco per ben 9 lunghissimi chilometri...

Click to read more ...

domenica
set072014

Assoenologi, le previsioni e il fattore C

Settembre è appena iniziato, ma in alcune parti d'Italia le uve sono già diventate mosto che fermenta. Si possono perciò avanzare le prime previsioni su come andrà a finire questa discussa vendemmia 2014. O, almeno, questo è ciò che fa Assoenologi: dopo che il 5-10% delle uve italiane è stato raccolto elabora le migliaia di dati che le arrivano dalle fonti locali e fa le sue

Click to read more ...

lunedì
set012014

Vendemmia 2014 in Valpolicella: che vini saranno?

Come un po' in tutta Italia, anche in Valpolicella le prospettive erano ottime: tutti i segnali facevano presagire una gran bella annata, con uve belle sane e perfino in anticipo sui consueti tempi di maturazione. Si cominciava quasi a rilassarsi quando, dalla metà di giugno in poi, la situazione è improvvisamente, drammaticamente peggiorata. E adesso, dopo due mesi di pioggia, grandine e temperature autunnali si iniziano a tirare le somme di quella che è stata la non-estate del 2014; Daniele Accordini, direttore ed enologo della Cantina di Negrar, ha definito quella di quest'anno una vendemmia da professionisti, perchè i problemi sono soprattutto di natura sanitaria, e in questo campo ciò che conta è la capacità pregressa del viticoltore: se è stato superficiale, distratto o frettoloso, ciò che si ritrova adesso sono uve non sane.

Che vini dovremo aspettarci allora da questa annata?

Click to read more ...

sabato
ago162014

Mai di foglie (o di radici)

Avviso: questo post ha un sapore intenzionalmente empirico, anzi, esoterico. I positivisti estremi sono pregati di leggere qualcos'altro (per esempio, questo).

Seguo da sempre, con estrema curiosità e interesse, il mondo della vitivinicoltura alternativa più estrema, comunque si chiami (naturale, biodinamica, biotica, bio-quel-che-volete). Lo seguo e, quando mi capito, ne bevo i vini con alterne fortune: devo dire che inizialmente - molti anni fa - i vini non convenzionali erano (forse) fatti meglio, ed era facile imbattersi in qualche vino davvero buono. Oggi - sfortuna mia, sicuramente - mi capita più di rado, quasi che i produttori non convenzionali di ultima generazione siano più ansiosi di convincerti che il loro vino è buono a forza di parole, senza aspettare che sia tu a dirlo (probabilmente non si fidano dei tuoi sensi). 

Click to read more ...

lunedì
ago042014

Out of order (o quasi) causa estate

Essere l'editore, il direttore e l'unico redattore di un blog personale è sempre una faticaccia. Soprattutto quando i blog da gestire e le piattaforme social da presidiare (per se stessi e/o per qualche cliente) sono tanti. Ecco allora che, come nella nota metafora del ciabattino che va in giro con le scarpe rotte, anche il blog personale rischia di finire in fondo alla lista delle cose da fare, mentre i giorni e le settimane e i mesi passano implacabili. 

Beh, poco male. Io ci sono sempre, un po' qui e un po' la', e continuo nella mia missione di informare, comunicare, commentare il mondo del vino, anche se i tempi - come sempre in estate - suggerirebbero a qualunque persona dotata di buon senso di fare qualcos'altro, anzichè passare tutto il tempo davanti ad un computer o con un tablet in mano. Comunque, per quei due o tre curiosi che si domandassero dove sono quando non ci sono, ecco alcuni indizi: ogni tanto mi trovate qui, qui, qui e da poco perfino qui.

Click to read more ...

lunedì
lug142014

Consorzi di tutela del vino: quale futuro?

Ai nostri giorni, fa più notizia un Consorzio che chiude i battenti e cessa la propria attività, di uno che apre. E' perciò con rammarico che apprendo della chiusura del Consorzio Doc Friuli Isonzo. Peccato.

Click to read more ...

lunedì
giu162014

Amarone della Valpolicella e Superiore: ci vediamo a Montreux, il 30 ottobre

Negli anni scorsi, noi di Terroir Amarone siamo stati impegnati soprattutto su due fronti: quello, prettamente locale, delle degustazioni per vini di vallata, e quello, più generale, della consulenza sulla Valpolicella stessa.

Ora è tempo di fare un passo avanti, anzi oltre. Oltre confine, per la precisione.

Ed ecco allora che il 30 ottobre, a Montreux, in Svizzera, guideremo una degustazione di una ventina di vini della Valpolicella davanti ad pubblico internazionale composto da una sessantina di appassionati e di professionisti del settore : ristoratori, sommelier, enotecari, buyer, ecc. Nella foto, la sala dell'Hotel Majestic in cui si terrà l'evento (nel primo pomeriggio). Insieme a noi ci sarà anche una terza persona, un esperto internazionale: forse l'editor di una rivista del vino, forse un Master of Wine. Gli accordi sono ancora in corso, c'è tutta l'estate per decidere.

Click to read more ...

martedì
giu102014

Terroir Vino a Genova tra bicchieri, bottiglie, persone e wifi

La sensazione che si era percepita nelle ultime edizioni era che Terroir Vino - già Tigulliovino.it Meeting, per chi c'era nelle ormai leggendarie prime volte - fosse ad un punto di svolta ormai ineludibile.

Chiudere. O cambiare.

Chiudere i battenti perchè così fan tutti, in questi tempi di magrissima e di scoramento nazionale. Perchè bisogna anche prendere atto che i cicli iniziano, si sviluppano e poi si chiudono, che c'è un tempo per ogni cosa e che certe formule ormai sono superate, che... (continua continua). Si trova sempre una scusa per dire basta, son stufo.

Oppure cambiare. Perchè è vero che si può chiudere un capitolo però il libro non è mica finito, inizia un capitolo nuovo, perchè a chiudere son buoni tutti (e si fa sempre in tempo), perchè non si possono tradire le aspettative di tanti, perchè... si trova sempre un buon motivo per andare avanti quando si è attivi e propositivi (e testardi).

Credo che l'amico Filippo Ronco appartenga a quest'ultima categoria, rinunciatario non ce lo vedo proprio; sempre combattivo - attivo e propositivo, appunto. E anche testardo, sì. Ai sogni non si rinuncia, e a 10 anni di durissimo lavoro (ma anche di tante, grandi soddisfazioni, amicizie e belle cose, suppongo) nemmeno.

Click to read more ...

venerdì
mag302014

Perchè dovremmo smetterla di dare punteggi ai vini

I veterani del wine blogging lo sanno: ci sono alcuni argomenti che sembrano fatti apposta per attizzare discussioni, scatenare polemiche, rinverdire vecchi topics. Sono un trucco ormai datato come la Tv in bianco e nero, ma funzionano ancora, e quando uno vuole ravvivare l'attenzione e il traffico sul suo blog, puntualmente li tira fuori. Vini naturali vs convenzionali, cork vs screw cup, sono ancora utili le guide dei vini? quale linguaggio per il mondo del vino? Eccetera.

Click to read more ...