Pubblicità

Questo blog aderisce al network di raccolta pubblicitaria VinoClic.

Novità! eBook!

Il mio primo eBook, ideato e scritto con Giampiero Nadali; un manuale digitale dedicato ai nuovi turisti del vino sempre più interattivi e digitali.
Leggi qui la scheda dell'eBook e tutte le informazioni per acquistarlo online.

Perché VinoPigro?

Perché il vino è un prodotto della natura. E la natura ha i suoi tempi. Non i nostri, sempre così affannati, nevrotici, insufficienti. Per fare un grande vino ci vuole tempo, per fare un bambino ci vuole tempo, per fare del pane (quello buono) ci vuole tempo, tempo... e tranquillità. Anche per scrivere ci vuole tempo, perciò non pensiate di trovare nuovi post ogni santo giorno. Prendetevi tempo per leggere queste pagine. E lasciatene un po’ anche a me: ad essere pigro non c’è solo il vino.

Collaborazioni

Columnist

eBook

Palate Press presenta l'eBook sul primo anno di attività. Oltre 100 diversi autori da tutto il mondo hanno contribuito con più di 800 storie sul vino, dalle semplici recensioni alle complesse discussioni sulla scienza del vino. L'eBook "The Best of the Press" raccoglie le storie più apprezzate dai lettori nel primo anno attività.
In vendita qui

Ultimi commenti
Twitter
« VINISUD: merci beaucoup! | Main | Gennaio tra innovazione, degustazioni e business »
sabato
feb152014

Heading to VINISUD...

 20 anni.

Tanti ne compie VINISUD, il salone dei vini del Paesi Mediterranei, che aprirà i battenti l'ultima settimana di febbraio (24-26, Parc Expo di Montpellier).

Ideato dai produttori del Languedoc-Roussillon, fortemente sostenuto dai vari presidenti della regione francese, da saloncino locale è divenuto presto una manifestazione aperta ai vini delle altre regioni meridionali della Francia, per aprirsi poi ai colleghi delle nazioni confinanti, accomunate dal fatto di affacciarsi sul Mare Nostrum...

Giustamente - e al netto di quella punta di grandeur che sempre li contraddistingue - i francesi sostengono che questa manifestazione ha contribuito non poco al rilancio dei vitigni di questa parte di mondo: syrah, grenache, mourvedre, carignan grazie a ViniSud hanno trovato un palcoscenico in cui sono protagonisti assoluti, e non semplici comprimari.

Due aspetti fanno di VINISUD 2014 - del quale, va detto, chi scrive è stata nominata Ambasciatore per l'Italia - un appuntamento particolarmente interessante: l'attenzione per le nuove tecnologie (alle quali è dedicato il Pav.2 - hall B3-B12) e quella per i vitigni autoctoni rari. 

Nel primo caso, già da qualche anno in ViniSud si sperimentano nuove forme di comunicazione che trovano in wine blogger e membri attivi di piattaforme social gli interlocutori ideali: perchè i nuovi consumatori, soprattutto se giovani, sanno di guide e critica ufficiale, di sommelier e riviste specializzate, ma quando vogliono scambiare pareri, trovare informazioni, condividere esperienze che hanno per tema il vino...non è a questi old media che si rivolgono, principalmente, ma aprono il computer e vanno su Google. Oppure leggono Facebook e spulciano tra i tweets di Twitter.

Ignorare questi nuovi comportamenti è un lusso che oggi nessuna azienda del vino può permettersi.

Per dirla con le parole di un international speaker della Gen Y come Erik Qualman, "we don't have a choice on whether we DO social media, the question is how well we DO it".

Questo fatto i francesi l'hanno capito ben prima di tanti italiani - è uno dei motivi per cui continuano a starci davanti - e per questo da alcuni anni hanno iniziato a dare sempre più spazio, mezzi e attenzione ai protagonisti di questo nuovo mo(n)do di comunicare e interagire. 

Il secondo motivo d'interesse di questa edizione della fiera di Montpellier è rappresentato, almeno per me,  dalla presenza di Wine Mosaic: un progetto enologico che vuole occuparsi della salvaguardia e della promozione delle varietà autoctone del Mediterraneo. Ideatori e promotori dell'idea sono un gruppo di professionisti del settore, guidati da Jean-Luc Etievent, importatore di vino della Med&Co, e Arnaud Daphy, proprietario della società di wine marketing Triptiq.

Per tutta la durata della manifestazione, nello spazio di Wine Mosaic si sussegueranno workshops e degustazioni di vini da vitigni più unici che rari, praticamente sconosciuti - come il libanese Obadeih o il toscano Abrostine.

E gli italiani? Pochi ma buoni, in rappresentanza di un po' tutte le regioni. Tra le degustazioni in programma, da segnalare in particolare quella degli sparkling, organizzata da Euposia Wine Challenge e presentata dal direttore della rivista Euposia, l'amico Beppe Giuliano

Reader Comments

There are no comments for this journal entry. To create a new comment, use the form below.

PostPost a New Comment

Enter your information below to add a new comment.

My response is on my own website »
Author Email (optional):
Author URL (optional):
Post:
 
Some HTML allowed: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <code> <em> <i> <strike> <strong>