Pubblicità

Questo blog aderisce al network di raccolta pubblicitaria VinoClic.

Novità! eBook!

Il mio primo eBook, ideato e scritto con Giampiero Nadali; un manuale digitale dedicato ai nuovi turisti del vino sempre più interattivi e digitali.
Leggi qui la scheda dell'eBook e tutte le informazioni per acquistarlo online.

Perché VinoPigro?

Perché il vino è un prodotto della natura. E la natura ha i suoi tempi. Non i nostri, sempre così affannati, nevrotici, insufficienti. Per fare un grande vino ci vuole tempo, per fare un bambino ci vuole tempo, per fare del pane (quello buono) ci vuole tempo, tempo... e tranquillità. Anche per scrivere ci vuole tempo, perciò non pensiate di trovare nuovi post ogni santo giorno. Prendetevi tempo per leggere queste pagine. E lasciatene un po’ anche a me: ad essere pigro non c’è solo il vino.

Collaborazioni

Columnist

eBook

Palate Press presenta l'eBook sul primo anno di attività. Oltre 100 diversi autori da tutto il mondo hanno contribuito con più di 800 storie sul vino, dalle semplici recensioni alle complesse discussioni sulla scienza del vino. L'eBook "The Best of the Press" raccoglie le storie più apprezzate dai lettori nel primo anno attività.
In vendita qui

Ultimi commenti
Twitter
« A Year in Burgundy: 3 motivi per guardarlo (e comprarlo) | Main | Il Prosecco non è un "frizzantino" »
mercoledì
dic112013

Chips & wine

 D'accordo, forse non sono il primo cibo che ci viene in mente quando parliamo di abbinamenti con il vino.  Però, ammettiamolo: a chi non piacciono le patatine nel sacchetto? ormai ce ne sono di tutti i tipi, i formati, i gusti e i prezzi.

Bianche, gialle o rossicce, lisce o grigliate, le patatine danno dipendenza (sono fatte apposta per questo, del resto).

All'estero evidentemente le mangiano più di noi, in ogni momento. Al punto che qualcuno  ha pensato bene di azzardare qualche abbinamento con il vino. 

Ecco allora che le patatine al gusto di barbecue potrebbero accompagnare un bicchiere di Syrah o di Zinfandel, mentre quelle più semplici e classiche si potrebbero abbinare ad uno Chardonnay charmat. E via elencando.

Un giochetto che potremmo tentare anche noi, durante qualcuna delle prossime serate di festa con parenti e amici. Unica regola, vietato uscire dai confini nazionali: abbiamo abbastanza vitigni locali da poter accompagnare qualsiasi patatina.

Perciò, invece dello Syrah, con le patatine barbecue potremmo provare un Groppello di Revò, una Vespolina o uno Schioppettino friulano*.  

Con le patatine al formaggio potrebbero starci un sacco di vini: dal Soave metodo classico al Prosecco, al Pecorino, e con quelle al pomodoro un Bardolino Chiaretto o un Nero d'Avola. 

In attesa di una degustazione tecnica accompagnata da patatine (al posto dei soliti insulsi crackers), prendiamo esempio dagli stranieri: una volta ogni tanto, divertiamoci e basta, con il vino (non si lede nessuna maestà). 

 

*domandina facile facile... cos'hanno in comune i vini che ho citato, e perchè con questo tipo di patatine potrebbero sostituire tranquillamente lo Syrah? 

Reader Comments (2)

Ecco, questa cosa mi incuriosisce, anche tanto! Facciamo questa degustazione? Pensando ai gusti delle patatine riesco proprio a capire gli abbianemnti, anche perché "la patatina tira" :). Scherzi a parte, farò proprio delle prove e poi ti faccio sapere.

dicembre 11, 2013 | Unregistered CommenterReka

Brava Reka,
questo tipo di esperimenti lo vedo molto nelle vostre corde, infatti! Where wine&fun is, there is (more) people, isn't it?! :-)

dicembre 12, 2013 | Unregistered CommenterLizzy

PostPost a New Comment

Enter your information below to add a new comment.

My response is on my own website »
Author Email (optional):
Author URL (optional):
Post:
 
Some HTML allowed: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <code> <em> <i> <strike> <strong>