Pubblicità

Questo blog aderisce al network di raccolta pubblicitaria VinoClic.

Novità! eBook!

Il mio primo eBook, ideato e scritto con Giampiero Nadali; un manuale digitale dedicato ai nuovi turisti del vino sempre più interattivi e digitali.
Leggi qui la scheda dell'eBook e tutte le informazioni per acquistarlo online.

Perché VinoPigro?

Perché il vino è un prodotto della natura. E la natura ha i suoi tempi. Non i nostri, sempre così affannati, nevrotici, insufficienti. Per fare un grande vino ci vuole tempo, per fare un bambino ci vuole tempo, per fare del pane (quello buono) ci vuole tempo, tempo... e tranquillità. Anche per scrivere ci vuole tempo, perciò non pensiate di trovare nuovi post ogni santo giorno. Prendetevi tempo per leggere queste pagine. E lasciatene un po’ anche a me: ad essere pigro non c’è solo il vino.

Collaborazioni

Columnist

eBook

Palate Press presenta l'eBook sul primo anno di attività. Oltre 100 diversi autori da tutto il mondo hanno contribuito con più di 800 storie sul vino, dalle semplici recensioni alle complesse discussioni sulla scienza del vino. L'eBook "The Best of the Press" raccoglie le storie più apprezzate dai lettori nel primo anno attività.
In vendita qui

Ultimi commenti
Twitter
« EWBC Wien, note tecniche | Main | Pinot grigio, il vino in jeans »
lunedì
ott182010

EWBC, #3: gli appuntamenti live

Mentre ci prepariamo materialmente e psicologicamente a 3 giorni di full immersion nel mondo del vino austriaco (ma non solo), e soprattutto in quello dei nuovi media , con tutte le problematiche e le opportunità che questi comportano - il programma delle sessioni di lavoro e dei seminari è così denso che bisognerebbe potersi dividere in tre per seguire tutto - , una piccola annotazione per quelli che resteranno a casa ma sono comunque curiosi di saperne di più.

Per tutta la durata della conference i partecipanti avranno a disposizione il wifi del Palazzo di Schonbrunn (ovviamente free; mica siamo in Italia).

Sperando che sia abbastanza capiente da reggere tweet e aggiornamenti in tempo reale di circa 200 scatenati della rete, si potranno seguire i lavori ai seguenti indirizzi:

http://bit.ly/EWBCLIVE dove verranno postati lo stream di alcune sessioni e i principali keynotes;

http://bit.ly/EWBCWALL sarà invece la bacheca ufficiale dei tweets (contrassegnati da #EWBC o #EWBC10. Al momento inattiva).

Altri luoghi virtuali ufficiali attivi saranno le pagine di Adegga.

Per chi ci sarà, invece, gli organizzatori hanno già provveduto a inviare un manuale di una decina abbondante di pagine di istruzioni per l'uso (della conference, delle cene, delle degustazioni, delle escursioni...)

 

References (4)

References allow you to track sources for this article, as well as articles that were written in response to this article.
  • Response
    Response: Tablet popust
    VinoPigro - VinoPigro Blog - EWBC, #3: gli appuntamenti live
  • Response
    VinoPigro - VinoPigro Blog - EWBC, #3: gli appuntamenti live
  • Response
    VinoPigro - VinoPigro Blog - EWBC, #3: gli appuntamenti live
  • Response
    VinoPigro - VinoPigro Blog - EWBC, #3: gli appuntamenti live

Reader Comments (6)

Anche in Italia da qualche parte se ci pensi bene il wi-fi lo danno via gratis agli astanti :)

ottobre 18, 2010 | Unregistered CommenterFilippo Ronco

salutami la città dei miei studi!
eh sì, la nostalgia...

ottobre 18, 2010 | Unregistered Commenterarmin

Poche parti, Fil. E quando congressi e conferenze si tengono negli hotel, più è sciccoso l'hotel più è caro il wifi. Vita vissuta.
:-)

ottobre 18, 2010 | Unregistered CommenterLizzy

Armin, avresti potuto venire anche tu...come wine blogger e come produttore. Ci avresti dato man forte, gli italiani sono una sparutissima minoranza...

ottobre 18, 2010 | Unregistered CommenterLizzy

Attendo post completo per sapere cosa mi aspetterà l'anno prossimo in franciacorta.

ottobre 24, 2010 | Unregistered CommenterLuca ferraro

@ lizzy
due motivi:
ti sarai accorto che dell'inglese ho solo conoscenze passive (leggendo).
poi è un periodo dove non posso pianificare niente perchè non sai mai quando una fermentazione finisce, di conseguenza c'è da travasare subito, ecc., immaginiamo adirittura se sorgessereo problemi.
non penso di essere l'unico produttore con questi problemi.
ce l'ho fatta a malapena ad andare per due giorni a roma, ma quella era una manifestazione del mio distributore, un "must" per capirci.
prima bisogna fare buoni vini, dopo se mai parlarne. ;-)

ottobre 24, 2010 | Unregistered Commenterarmin

PostPost a New Comment

Enter your information below to add a new comment.

My response is on my own website »
Author Email (optional):
Author URL (optional):
Post:
 
Some HTML allowed: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <code> <em> <i> <strike> <strong>